Articolo

Scuola di KeyForge: Attenzione e Concentrazione

👤scritto da Gian Bass 2 Commenti 📅23 dicembre 2018

Inauguriamo con questo articolo introduttivo una serie di vari consigli che arricchiranno pian piano la nuova area Scuola di KeyForge.

Per imparare a giocare bene a KeyForge la prima regola è: lasciare sul tavolo le carte di KeyForge (hai letto bene… Tranquillo non sono pazzo) e preoccuparsi piuttosto di alcune skills che un buon giocatore di carte e/o di giochi strategici in generale, dovrebbe avere e, soprattutto di come allenarle partendo da 0.

Servono dei prerequisiti, quali ad esempio avere una buona memoria? Assolutamente no!

O meglio, l’unica cosa che servirà (sempre) sarà la Costanza, anche perché devi immaginare la memoria come un muscolo, il quale più viene allenato e sollecitato, più darà risultati.
Ricorda: il Metodo batte la Memoria!

Ciò detto non significa che la memoria non sia parte delle armi possibili con cui ottimizzare la propria performance a questo gioco. Ma andiamo con ordine.

Prima di buttarsi nello studio parliamo di una cosa molto importante che, assieme al Metodo, crea le basi di qualsiasi Skill:
l’Attentional Control (controllo dell’attenzione) ovvero, quanto una persona sia capace di concentrarsi su una specifica attività non considerando volutamente tutto il resto per un tempo sufficientemente lungo da definirsi efficace.
Sicuramente viviamo un periodo storico/tecnologico che non aiuta l’uso e quindi l’allenamento di questa abilità (che tengo a specificare tutti abbiamo e tutti possiamo migliorare).
Se non riceviamo la nostra dose di “aggiornamento” digitale ogni due minuti, ci mettiamo attivamente alla ricerca di qualcosa che sazi la nostra fame di novità e per farlo ci distraiamo da qualsiasi attività stiamo svolgendo in quel momento.

Pensaci bene: quando è stata l’ultima volta che sei riuscito a rimanere concentrato perfettamente senza distrarti su un’attività per più di 30 minuti?
Ecco che quindi entra in gioco la Concentrazione. Online si trovano molti esercizi per migliorarla, personalmente trovo molto utile la “tangerine technique” (tecnica del mandarino).
Ed è quindi da questa tecnica che partiremo con il nostro percorso per diventare dei bravi giocatori di Keyforge, perché una buona Concentrazione ti permetterà un’applicazione funzionale del Metodo e un controllo ottimale della tua Attenzione che, come detto in precedenza, sono alla base di tutto.

La Tecnica del Mandarino

Alla base della concentrazione vi sono molti fattori. Il più importante è certamente la Motivazione: più è forte la spinta verso un risultato, la passione, la creatività, tanto più sarà intensa la Concentrazione.
A volte però, nonostante la Motivazione, si perde di Concentrazione per stress, stanchezza e monotonia.
In questi casi la Tecnica del Mandarino è perfetta, vediamo come funziona:

  1. Immagina di stringere in mano un mandarino immaginario. Concentrati sui dettagli: immagina la sua consistenza, il suo odore, il suo peso, la sua temperatura.
  2. Passa il mandarino da una mano all’altra, saggiandone ogni piccola sfumatura.
  3. Ora afferra il mandarino con la mano destra (la sinistra per i mancini!) e portalo a toccare la parte posteriore della testa. Lascia il mandarino in questa posizione: è un mandarino magico non preoccuparti, non cadrà.
  4. Chiudi gli occhi e lascia che il mandarino galleggi in equilibrio là dove lo hai lasciato. Concentrati sul tuo stato fisico e mentale. Probabilmente ti sentirai rilassato e concentrato allo stesso tempo.
  5. Sempre con gli occhi chiusi immagina che il tuo campo visivo si espanda e riesca ad abbracciare tutto ciò che ti circonda.

Bene, ora riapri gli occhi lentamente e gioca la partita.

Forse questa tecnica molto semplice a primo impatto ti sembrerà “una cagata pazzesca” ma pensaci bene… Ti sei concentrato su una cosa ben definita, isolandoti dal resto e dalle distrazioni, hai liberato e pulito la mente per quel poco che conta, ma è pur sempre meglio che niente. D’altro canto, da qualche parte si dovrà pur iniziare!

Per i più scettici dico solo che più volte ho visto usare questa tecnica dai chirurghi prima di un’operazione (l’ho imparata infatti da amici dottori).
Non diventerai campione mondiale di Keyforge con questo semplice esercizio, ma come inizio per trovare una Tua Concentrazione sicuramente male non fa.

E per i meno fantasiosi, ecco un'altra tecnica:

L'Esercizio dei Piedi

Per difenderci dalle continue distrazioni, Olivia Fox Cabane, autrice del libro “The Charisma Myth“, suggerisce di concentrare la propria attenzione sulle dita dei piedi.
Pare infatti che questo semplice stratagemma riporti immediatamente al momento presente e aiuti a migliorare la propria Concentrazione.
Per ora è tutto, se hai fatto gli esercizi è tempo di prendere le carte in mano e giocare con il pieno Controllo dell’Attenzione e quindi la giusta dose di Concentrazione per affrontare qualsiasi avversario. Applicati con Metodo e facci sapere i tuoi risultati.

Alla prossima lezione di Keyforge Italia Training School (KITS).

Articoli correlati

2 Commenti

  1. 24 dicembre 2018 17:42 Franco Raia

    Ho vinto il mio primo torneo grazie ai due metodi uniti ... stringevo un mandarino tra le dita dei piedi !!! cosi ho avuto anche i piedi profumati !!! provate con il vostro negoziante di fiducia anche voi :D

    • 30 agosto 2020 15:28 Mona Mori

      Devo provarlo anch'io ahahahahahah

  2. Fai login con per commentare