Articolo

La via della spada

👤scritto da Zavorak 0 Commenti 📅29 ottobre 2019

Forgiatori tutti, ecco a voi il report del primo Grand Championship italiano di Keyforge con annessa qualche riflessione personale sul gioco che spero possa abbattere definitivamente il luogo comune del pay 2 win e possa far smettere di considerare vangelo i vari analizzatori mazzi online.

Premetto che Keyforge mi ha completamente ammaliato per il concetto di unicità dei mazzi e soprattutto per l’idea di poter competere con un budget molto limitato: ho speso pochissimo per la mia tripletta cercando mazzi unici ed inaspettati che, alla fine dei giochi, si sono dimostrati assolutamente competitivi.
Questo mi rende ancora più orgoglioso del risultato ottenuto in questo torneo, perché ho dimostrato sul campo che la mia strategia di gioco è corretta sia a livello di gameplay che concettualmente.

Questi sono i tre mazzi che ho utilizzato al Grand Championship, che, ricordo, era in formato tripletta (ogni giocatore banna un mazzo all’avversario e si gioca al meglio delle tre con i due mazzi restanti):

Le loro caratteristiche?
Sas bassi (81-89), un solo mazzo con Ombre, due mazzi di Age of Ascension, 62 creature totali, poche ambre stampate e Brobnar presenti in ogni combinazione (adoro questa casa! Le sue creature mi ricordano i punk di Mad Max che perseguono la via della spada ad ogni costo, come dei “ronin post-apocalittici”)

A vederli sembrerebbero mazzi banali, presi e buttati dentro un portadeck qualsiasi, ma dietro questa scelta c’è stata in realtà un mia idea precisa: in un meta in cui il board è sottovalutato ci sono poche risposte alle creature quindi, se banno agli avversari mazzi rush o mazzi con forte controllo del board, ho maggiori possibilità di vincere 2-0.

Certamente, per quanto la ritenessi un’idea valida, non avevo certezza che poi avrebbe funzionato...

1° Giorno - Sei round di svizzera

Quattro ore di sonno non sono la miglior preparazione ad un evento in cui si prospettano come MINIMO dodici partite consecutive.

Entriamo in fiera abbastanza velocemente grazie al vip pass, prendo un caffè doppio prima di riuscire a dire buongiorno e poi ci dirigiamo allo stand di Asmodee dove ritrovo tutti i cari amici, sia quelli delle mie parti sia quelli conosciuti al Vault Tour.
Grazie a questo incontro miglioro notevolmente il mio umore malmostoso.

Registriamo velocemente i mazzi e aspettiamo trepidanti l’inizio del torneo che... tarda ad arrivare: ci sono problemi tecnici del Global Event Manager ed iniziamo quindi con circa 40 minuti di ritardo. Quando finalmente il problema viene risolto, parte un fragoroso applauso per gli organizzatori che, tuttosommato, sono riusciti a risolvere il tutto in tempi rapidi!

Round 1 - Alessandro Ardito 2-0

Avversario molto calmo e silenzioso con cui non ho parlato molto e di cui non ho ricordi precisissimi, probabilmente per le mie poche ore di sonno.

Ricordo che ha un mazzo con 3 Imitazione , Lucilla e Seme di Nepente -mazzo che banno istantaneamente- e che ha un mazzo con Grump Buggy su cui punto il 2-0, dato che ho un numero indegno di creature sopra la forza 5.

Lui banna, secondo me correttamente, con Squalo Neutronico ed Esumare , ma, complice un terzo mazzo non all’altezza degli altri due, vinco una partita contro entrambi i mazzi.

Round 2 - Gabriele Arra 1-0

Per i disagi legati al GEM purtroppo questo secondo round è a partita secca, quindi la mia strategia rischia di andare in fumo.
Prego di non incontrare troppi rush e mi trovo faccia a faccia con Gabriele che, sfortunatamente, è un amico e non posso affrontare in una tripletta completa.

Gabriele ha dei bei mazzi ma niente di particolarmente forte, quindi sono abbastanza sicuro che possiamo giocarci il round alla pari.
Io banno il mazzo che ritengo più fastidioso, lui banna , ma immagino abbia fatto valutazioni corrette lasciandomi , il mio mazzo migliore.

La partita è veramente intensa, tanto che finisce 3 chiavi a 2: io ritengo che non risolvere un Drumble con 9 ambre catturate sia corretto e scelgo di tradare due Drumble con due Brobnar e Goblin Saccheggiatore .

Alla fine tiro uno Smarriti nei Boschi su un Vecchio Bruno e un Simulacro d’Ombra e risolvo Drumble con Orso Antico . Lui cerca Principio Effervescente con la Biblioteca di Babble , non lo trova e vinco.

Partita davvero bella e stimolate, combattuta fino alla fine.

Round 3 - Flavio Giorbergia 2-1

Flavio mi banna , perdo il primo game con , in cui provo a rischiare un turno passando con 9-10 ambre in pool, mi prendo un Troppo da Proteggere che non riesco a recuperare, ma poi vinco 2-0 sull’ultimo suo mazzo.

Ad un certo punto nella seconda partita riprendo una carta dagli archivi per poi rendermi conto di averlo fatto inutilmente. Flavio mi consente di rimetterla al suo posto (fidandosi, non sapendo quale tra quelle che avevo in mano). Io lo ringrazio di cuore ma rifiuto. Sportività pazzesca!

Round 4 - Jacopo Colombo 2-0

Avversario che conosco bene, un ottimo giocatore e mazzi fortissimi: uno con Brobnar e Grump Buggy (su cui confido di poter vincere) e due mazzi praticamente identici con Sigillo di Velocità , Strega dell’Occhio , Carica della Chiave e molte ambre.

Banno il migliore dei due rush (un Pixiestorm pauroso), lui giustamente mi banna per evitare lo spam di spari con Cumulo di Teschi per il quale non ha risposte.

La prima partita, con , si risolve nel momento in cui reappo 8 ambre con 8 Brobnar a metà partita mentre nella seconda partita il suo mazzo bricka in un modo osceno.

Provo ad offrirgli un caffè, ma lui: “Te lo offro io perché sei l’unico che mi ha battuto e che mi batterà oggi, ci rivediamo domani in top”.

Cosa che poi accade davvero. Che tipo tosto!

Round 5 - Stefano Dei 2-0

Altro avversario che conosco bene che si presenta con appena 10 Controllare i Deboli in totale.

Fortunatamente noto che non ha nessun tipo di risposta al mio board e infatti si ritrova un paio di volte a giocare più di un Controllare i Deboli per turno per svuotare la mano.

Avversario sicuramente di livello ma con un matchup decisamente sfavorevole per lui.
Mi spiace che ne abbia persa una ma gli auguro di qualificarsi per la top, cosa che poi succederà, con mia grande gioia!

Round 6 - Nicolò Colombo 2-0

Nicolò (quasi un mio omonimo) gioca dei bei mazzi anche se non immediati da capire e intuisce subito che è il mio mazzo migliore.

Inizia con un mazzo Brobnar-Dis-Ombre con molti artefatti (tra cui Cumulo di Teschi ), abbastanza simile ai miei ma senza un buon controllo di board; io comincio con .

La partita è molto equilibrata ma io ho la meglio perché sono in grado di risolvere il suo board calando creature a mia volta.

La seconda partita è molto combattuta ma decretata da due colpi di fortuna assurdi da parte mia: apro con la combo Battitorre / Capotribù Ganger più altre tre carte Brobnar e poi, in lategame appena finito il mazzo la ripesco subito…

Nonostante questo Nicolò riesce quasi a vincere! immagino quindi che in condizioni normali avremmo giocato il tutto per tutto alla terza partita.

Bravo Nicolò, avversario ostico che riesce a non tiltare anche dopo un paio di colpi di fortuna di tutto rispetto!

Conclusione round di svizzera

Alla fine della fiera concludo con un inaspettato 6-0, insieme ad altri tre giocatori: Storti, D’Aniello e Landolina.
Per me, son sincero, il torneo poteva anche finire qui, avevo fatto una svizzera perfetta con mazzi low budget e particolari, dimostrando la validità della mia personale idea di strategia. Invece…

2° Giorno - Top 16

Questa volta riesco a dormire qualche ora in più, vengo a farmi prelevare dalla fila da Filippo Bosi ed assisto al mio caro amico Montagnani uscire dal cut della top 16.

Piango il caduto ma esulto sapendo che un quarto della top 16 è della piana fiorentina: Dei, Erente, Baldassini ed io!

Napoli ancora più presente con ben cinque qualificati.

Top 16 - Leonardo Baldassini 2-0

Un amico prima che avversario: con Leonardo gioco anche 3 volte a settimana nei vari tornei locali.
Il vantaggio è che conosco i suoi mazzi alla perfezione e so che il matchup non è terribile: non tiro fuori dal portamazzi , tanto so già che lo bannerà, e così faccio io con il suo mazzo migliore.

Vinco, come sempre, con sul mazzo con cui ha fatto top al Vault Tour (avversario scarso anche lui eh…), probabilmente per un missplay suo (sul quale ancora non siamo d’accordo) e con sempre sullo stesso mazzo.

Ad occhio avrei vinto sul suo terzo mazzo, decisamente non a livello degli altri due e comunque con un matchup brutto contro il mio board control.
Rigiocheremo la partita in futuro per un eventuale “what if”.

Top 8 - Adrian Pogor 2-0

Avversario di livello, mazzi molto forti e lo spauracchio di averci perso di brutto ad un pod al Vault Tour dagli stessi mazzi della tripletta.

Sono costretto a lasciargli il suo rush-combo con Strega dell’Occhio , Sigillo di Velocità e Carica della Chiave (simile a quello di Jacopo) mentre il suo ban cade, ancora una volta, su .
Io avrei bannato probabilmente, dato che il Sigillo mi fa usare la Strega dell’Occhio , che una volta risolta può essere ripresa con due Ricrescita , mentre la sua, grazie a Smarriti nei Boschi , finisce nel mazzo: infatti, a differenza del game al pod, non parte veloce e riesco a settare un board vincente, chiudendo 3 chiavi a 2.

Il secondo game, contro lo stesso mazzo, è fortunatissimo: appoggio di nuovo la combo Brobnar a terra di primo turno e lui parte di nuovo lento.

Anche qui nessuna lamentela e nessun rancore, anzi, Adrian farà poi il tifo per me al round successivo. Napoli nel cuore, davvero, ragazzi!

Top 4 - Cristiano Erente 0-2

Mi avvio incredulo ai quarti di finale di un torneo a cui puntavo al 4-2 nel day 1.
Il mio avversario è un altro ragazzo di Prato che conosco molto bene, anche lui con una sua idea di gioco originale.

Cristiano non gioca spessissimo ma è letteralmente un genio nella scelta dei mazzi, passa ORE sul mercato secondario a cercare mazzi particolarissimi contro cui hai poco margine di errore e quasi nessun counterplay, nello specifico:

Io decido di bannare, subendo diverse critiche a posteriori, il terzo mazzo.
Lui mi banna ; resto convinto della mia scelta, dato che avevo le risposte alla Caverna Urlante e ai Controllare i Deboli (nello specifico Squalo Neutronico e Oblio Strisciante ) ed avevo già affrontato i 4 Controllare i Deboli il giorno prima.

La prima partita è bellissima perché molto tirata: verso la fine faccio un turno folle, contando tutto al millesimo, in cui raccolgo con due Brobnar e passo.
Purtroppo, dopo aver finito il mazzo, Cristiano pesca, su 3 carte, esattamente le due che gli servivano insieme come out e perdo all’ultimo turno.

La seconda partita mi riprendo in faccia tutti i colpi di fortuna dei giorni precedenti venendo lockato dal terzo turno su Controllare i Deboli più Caverna Urlante , salo come un matto, poi mi calmo e mi scuso con Cristiano, che si scusa a sua volta e mi offre un caffè ed ha la “decenza” di vincere il Grand Championship, per lo meno!

Conclusioni

Tirando le somme concludo con due osservazioni, assolutamente personali ma spero condivisibili:

  • la prima è che il gioco non è assolutamente pay 2 win, dato che avrei giocato tranquillamente alla pari con Cristiano in partite con pescate in media, con un budget assolutamente ridicolo;
  • la seconda è che tutti dovremmo provare di più i mazzi, ignorare un po’ gli analizzatori online, come SAS, AERC e Rankey, ed uscire dallo schema Dis-Logos-Ombre-Selvaggi “rusho e rubo” di COTA per dare varietà al gioco.

Con questo non voglio insegnare niente a nessuno né pretendere che il mio playstyle sia più “aulico” o migliore, ma credo che la varietà faccia sempre bene, soprattutto in un gioco senza deckbuilding.

Concludo spendendo due parole sulle persone che ho conosciuto nei due giorni: sportive, cordiali, divertenti, appassionate e alla mano.
Posso tranquillamente affermare che altri giochi una community del genere se la sognano. Continuiamo così!

Buone forgiate a tutti e in questo caso come non mai… WIN WIN WIN! ACTIVATE BROBNAR!

Articoli correlati