Articolo

Arconti League - Intervista a Dammat96

👤scritto da Kest 1 Commenti 📅21 febbraio 2019

Benvenuti. Oggi abbiamo l'onore di intervistare il vincitore del nostro primo torneo, l'Arconti League: Dammat96.

Ciao Dammat96, benvenuto nella redazione di KeyForgeItalia.
Innanzitutto complimenti, come ci si sente ad essere incoronato come primo vincitore di “Arconti League”, il torneo di Keyforge Italia?

Ciao a voi di Keyforge Italia. Beh che dire, non nego di essere stato piuttosto emozionato nel momento in cui ho realizzato che avrei vinto il torneo. Partita dopo partita l'ansia cresceva e alla fine è stato fantastico vincere la finale.

Diamo un’occhiata al tuo percorso per arrivare alla vittoria e quali avversari hai dovuto superare:

Turno Avversario Esito
Svizzera Giodalpoz Vittoria
Svizzera Giorgio del bronx Vittoria
Svizzera Condor1234 Vittoria
Svizzera Stefano Tomaiuolo Vittoria
Svizzera OldFra Vittoria
Svizzera DeLaVega Sconfitta
Ottavi OldFra Vittoria
Quarti DonPerizoma Vittoria
Semifinale Borbuka Vittoria
Finale Monty Ratarsed Vittoria


Ottimi risultati, hai perso solo una partita in tutto il torneo.Te lo saresti mai aspettato all’inizio della competizione?

Devo dire che all'inizio del torneo mi sono visto tutti quanti i mazzi dei giocatori. A primo impatto sapevo che sarei riuscito ad entrare nella top 16 ma non mi davo neanche in semifinale. Mi aspettavo una finale Monty Ratarsed vs Borbuka guardando solo i mazzi. Se non mi fossi messo in mezzo probabilmente sarebbe stata davvero così.

Parliamo ora un pò del tuo mazzo “Myra Kinsil, Carceriera di Capellomolle”.
Raccontacene un po’ i segreti:

Riguardo Myra direi che ormai si possono svelare i suoi segreti. In primis è un mazzo che non risulta eccessivamente performante ad un primo sguardo e questo fa spesso abbassare la guardia. Non ci sono carte che rimuovono o rubano ambre in grandi quantità (principio effervescente, troppo da proteggere, bruciare le scorte, trucco della civetta per citarne alcune). La più grande assenza è però un removal di massa. Contro un board control imponente con degli scudi, è davvero difficile salvarsi. Il suo punto di forza invece sono i numerosi spari e la possibilità di giocare alzati in combo con 3 monelli e magda.

Qual è, secondo te, la carta migliore presente nel tuo deck, quella a cui non vorresti mai rinunciare?

Sembrerà strano a dirsi ma non vorrei mai rinunciare a Ricerca Approssimativa . È una carta che adoro che permette di archiviare e scartare. Grazie a due di quelle, il mazzo riesce a scorrere molto più velocemente.

E la sinergia più bella che riesci a realizzare con le tue carte?

Mi piacerebbe dire altare sacrificale con molti umani ma non è così ;) . La migliore sinergia come detto prima è la combo triplo Monello con doppio Alzati! . A cosa serve la civetta quando si ha un esercito di monelli?

Durante il torneo, c'è stata una carta o una sinergia che ti ha salvato in un momento di particolare svantaggio o difficoltà?

Certamente. Durante lo scontro con Stefano Tomaiuolo sono riuscito a salvarmi all'ultimo secondo grazie alla chiave oscura. Il mio avversario era in check per l'ultima chiave ed io non potevo fare nulla per impedirgli la forgiata. Grazie ad una combo di spari ombre che danno ambre e di monelli ho raggiunto le 12 ambre e a forgiare nel mio turno. È stato un colpo di scena assurdo.

Qual è stata la partita più difficile che hai dovuto affrontare?

La partita più difficile è stata proprio quella con Stefano Tomaiuolo. La partita che ho perso contro De la Vega? Non ricordo assolutamente nulla, ho cancellato il trauma...e non sto scherzando ;) .

Adesso che hai vinto dovrai partecipare anche al prossimo Arconti league per “difendere” il tuo titolo. Lo farai con lo stesso mazzo o lo cambierai cercando di riconfermarti anche con uno nuovo?

Beh direi che è tempo di liberarsi delle catene della mia bella carceriera e di portare in alto un nuovo arconte. Questo non è un addio a Myra ma un semplice arrivederci.

Ora però dicci la verità! Ma chi dei due è più forte, tu o il mazzo? ;-)

Ed ecco la domanda difficile. Indubbiamente devo dire che durante i 6 turni di Svizzera è stato il mio mazzo a trainarmi fin dove sono arrivato. Una volta in top 16 però, ho imparato a seguire il suo ritmo e a correre con lui. Sono molto fiero di aver concluso semifinale e finale senza arrivare alla terza partita. Posso dire di aver capito totalmente come sfruttare il mio mazzo e come metterlo in difficoltà quando lo vedo dall'altro lato.
Questo torneo mi ha permesso di capire fino in fondo tutte le sue potenzialità ed i suoi limiti.

Grazie a Dammat96 per l'intervista!
Aspettiamo di vederlo al prossimo Arconti League, ricordatevi che è lui l'uomo da battere!

Articoli correlati

1 Commenti

  1. 24 febbraio 2019 21:46 tarini

    Complimenti a Dammat per la vittoria!

  2. Fai login con per commentare