Il Combattimento è uno dei possibili modi di Usare una creatura. Quando una creatura viene usata per combattere, si esaurisce e sceglie una creatura nemica da combattere. Per prima cosa, si risolvono (nell’ordine deciso dal giocatore attivo) le eventuali abilità Assalto, Pericolo e Pre-Combattimento. Se una di queste distrugge una delle due creature coinvolte nel combattimento, non si procede con altre risoluzioni e il combattimento non avviene. La creatura è comunque stata usata per combattere ma non ha combattuto. Se, dopo aver risolto le eventuali abilità, entrambe le creature coinvolte nel combattimento sono ancora in gioco, si svolge il combattimento vero e proprio, e ogni creatura infligge all’altra danni pari alla propria Forza (simultaneamente). A combattimento terminato, dopo aver risolto la distruzione delle creature se necessario (incluso metterle nella pila degli scarti), la creatura che è stata usata per combattere, se è ancora in gioco, risolve tutte le sue abilità Combattimento (se ne ha). Entrambe le creature, se sono ancora in gioco, risolvono le loro abilità costanti “ogni volta/dopo che questa creatura combatte” e simili, se ne hanno. Se ci sono più abilità di questo tipo, sia Combattimento che “ogni volta/dopo”, il giocatore attivo decide in che ordine risolverle. Una creatura che ha un’abilità Combattimento, la risolve solo quando quella creatura viene usata per combattere e sopravvive al combattimento, e non se viene attaccata. Se una creatura che ha un’abilità Combattimento attacca una creatura con Elusione, risolverà normalmente l’abilità Combattimento, perché Elusione impedisce di fare danni ma il combattimento avviene comunque.

Elenco carte (totale 53)